Aprire un business online: il sito in 7 passaggi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
La presenza sul web è molto importante, ecco perché dovresti aprire un business online, o aprire un sito della tua attività.
Ultima modifica il 10 Marzo 2021
Tempo di lettura: 13 min.

Uno dei più grandi ostacoli nell’aprire un business online è che potresti non avere il budget per delegare alcuni compiti. Ad esempio, se vuoi stabilire una presenza online, assumere un web designer potrebbe essere costoso. Tuttavia, non è detto che tu ne abbia bisogno per cominciare a costruire la tua presenza sul web.

Fortunatamente, infatti, questo processo non è così complicato come può sembrare. Alcune piattaforme di costruzione di siti web ti permettono di creare un bel sito senza alcuna esperienza e senza usare una linea di codice. Inoltre, molte di esse sono incredibilmente convenienti dal punto di vista economico.

In questo articolo ti spiego come creare un sito web per piccole imprese in 7 semplici passaggi.

Cosa considerare prima di aprire un business online

Quando si crea un sito web, non esiste una soluzione che vada bene per tutti. Dovrai considerare i tuoi obiettivi prima di iniziare, in modo da poter implementare gli elementi di progettazione e gli strumenti più adatti ad aiutarti a raggiungerli. Per esempio, uno studio dentistico ha bisogno di un sito web completamente diverso da uno studio di architettura.

Sia che tu voglia informare i visitatori di un negozio fisico o effettuare solo vendite online, anche il modo in cui il tuo sito è realizzato influisce in modo significativo.

Quando inizi il processo di realizzazione del sito poniti le seguenti domande:

  • Quali informazioni devi comunicare ai visitatori?
  • Quali azioni vuoi che i visitatori compiano dopo aver visualizzato il sito?
    Ad esempio, acquistare prodotti online, venire nel negozio fisico, richiedere un preventivo.
  • Come vuoi visualizzare i prodotti o servizi?
  • Hai bisogno di un portfolio online dei lavori passati per dimostrare il tuo valore ai potenziali clienti?

Dovresti anche pensare al traffico previsto per il sito web. Se hai intenzione di vendere prodotti online, potresti ricevere molta più attenzione di un’azienda locale che si affida alle vendite in un negozio reale. Le tue esigenze in questo settore influenzeranno quali piattaforme e fornitori di hosting sono adatti al tuo sito.

Aprire business online: il sito in 7 passaggi

Una volta che hai una chiara idea di ciò che vuoi che il sito web faccia, puoi iniziare a scavare nel processo di progettazione e costruzione. Ecco i 7 passaggi chiave per aiutarti a lanciare la presenza online per il tuo business.

Step 1. Scegli la tua piattaforma

Idealmente, dovresti propendere per una soluzione di facile utilizzo che ti permetta di creare un sito web senza alcuna conoscenza di codici o linguaggi di programmazione. Ecco cosa consiglio a chi comincia:

  • WordPress: esistono due versioni di WordPress. Ci concentreremo su WordPress.org, che ti darà accesso alle migliori caratteristiche e al pieno controllo del tuo sito web. Dovrai organizzare l’hosting separatamente (di questo parleremo più avanti).
  • Costruttori di siti web hosted: se ti piacciono le soluzioni all-in-one, potresti voler considerare un costruttore di siti web affidabile come Squarespace. Queste piattaforme offrono template di siti web completi, che è possibile personalizzare con uno strumento drag-and-drop. Non sarà necessario acquistare l’hosting da un’altra azienda, ma avrai meno flessibilità in termini di design.

I costi associati ai costruttori di siti web hosted dipendono dal piano che scegli. Per esempio, se opti per il pacchetto Squarespace Business, ti costerà circa €17 al mese se paghi per un anno.

Tabella dei prezzi con Squarespace
Tabella dei prezzi su Squarespace

D’altra parte, WordPress è un progetto open-source, il che significa che è di libera distribuzione e puoi usarlo gratuitamente. Tuttavia, sarai responsabile di trovare un provider di web hosting, che è una spesa aggiuntiva.

Per questo tutorial, ci concentreremo su WordPress.org perché credo sia la soluzione migliore per la maggior parte delle piccole imprese. Alcuni dei motivi per cui raccomando WordPress sono:

  • Non è necessario essere uno sviluppatore o un tecnico per creare un sito web, ma se tu lo fossi, puoi comunque trarne degli ottimi vantaggi
  • Il software WordPress è open source e la filosofia che c’è dietro a questo tipo di prodotti è fantastica
  • È super flessibile: puoi facilmente cambiare l’aspetto del sito o aggiungere nuove funzionalità per ampliarlo

Inoltre, oltre un terzo di tutti i siti web su Internet utilizzano WordPress, quindi il tuo sito web sarà in buona compagnia. Nella pratica significa che la community dietro al progetto WordPress è grande e molto affiatata (come quasi tutti i progetti open source). Troverai risposte a ogni tuo dubbio con una ricerca su Google.

Come ultimo vantaggio, per gli smanettoni, è un’ottima piattaforma su cui imparare i linguaggi del web in modo pratico!

Step 2. Scegli il nome del dominio

Quando devi aprire il tuo business online, scegliere un nome è probabilmente l’aspetto più divertente e importante dell’intero processo.

Dopotutto, qui hai la massima libertà. Puoi scegliere letteralmente qualsiasi nome desideri per il tuo sito web. Tuttavia, ci sono ancora alcune cose che devi sapere per prepararti al successo futuro.

Innanzitutto, ci sono quasi 2 miliardi di siti web online (al momento di stesura della guida). Il che significa che essere originali è impegnativo.

È una buona idea pensare il nome del tuo sito web (e quindi il tuo dominio) in base al nome del tuo business o a una frase associata alla nicchia in cui ti trovi, aggiungendo qualche parola in più per una migliore personalizzazione del brand.

In breve, un buon dominio dovrebbe essere:

  • un marchio: dal suono unico, che non si trova (ancora) sul mercato
  • facile da memorizzare
  • breve, quindi ancora più facile da ricordare
  • facile da scrivere e difficile da confondere, non vuoi che la gente si chieda come si scrive il nome del tuo sito
  • comprende le parole chiave legate alla nicchia, per esempio, se si fa qualcosa con il legno, sarebbe bello avere “legno” da qualche parte nel nome del sito

Ecco uno strumento rapido per scoprire se il nome a dominio che ti interessa è disponibile: DomaniWheel.com. Inizia inserendo una parola chiave di base che definisce bene l’area del tuo business.

DomainWheel Esempio di Ricerca
Esempio di Ricerca su DomainWheel.com

DomainWheel restituirà alcuni suggerimenti. Puoi cominciare da lì per trovare il nome di dominio perfetto.

Il passo successivo, è registrare il dominio desiderato e acquistare un piano di hosting in un colpo solo (risparmiando, con Siteground).

Nota: Alcuni suggeriscono di inserire nel nome dominio una parola chiave legata alla nicchia. Confrontandomi con altri professionisti nel settore SEO, siamo però arrivati alla conclusione che non sia così importante e che invece è molto più significativo avere un nome brand riconoscibile e unico. Puoi approfondire le tecniche SEO in un articolo apposito, ma non preoccuparti troppo per ora.

Step 3. Trova un host provider

Se hai deciso di procedere con un site builder web hosted, puoi saltare questo passaggio. Gli utenti di WordPress.org, invece, dovrebbero continuare a leggere.

Ci sono diverse eccellenti società di hosting che puoi prendere in considerazione. La mia scelta è Siteground, che è ufficialmente raccomandato da WordPress.org:

Siteground Home
Siteground Home

Puoi accedere al piano Basic a soli €5.99 al mese, sfruttando uno sconto del 63% offerto da Plan B Project. Inoltre, la registrazione del dominio scelto è gratuita per un anno.

Siteground dispone di una dashboard intuitiva da cui puoi installare WordPress con un solo clic. Puoi anche, se questo è il tuo caso, installare il plugin WooCommerce per aprire direttamente un e-commerce.

Ti consiglio di seguire il tutorial dettagliato sulla creazione di un sito WordPress offerto da Plan B Project, che ti guida attraverso il processo di sottoscrizione di un piano di hosting.

Non preoccuparti troppo di considerare piani superiori a quello Basic, perché puoi sempre fare un upgrade.

Step 4. Scegli un tema o un template

WordPress e Squarespace offrono moltissimi template (o temi) che si possono facilmente personalizzare. Molti di essi sono anche gratuiti.

In WordPress, è possibile accedere alla repository dei temi gratuiti dalla dashboard navigando su Aspetto > Temi, cliccando poi su aggiungi nuovo:

Aprire un business online - Temi WordPress
La schermata di gestione dei temi sulla dashboard di WordPress

Una volta installato e attivato il tema di tua scelta, sarai in grado di personalizzarlo. In alternativa, consiglio di prendere in considerazione un tema Premium. Questi prodotti spesso includono caratteristiche come sezioni portfolio pre-costruite, pagine di eCommerce e integrazione con i page builder come Elementor.

D’altra parte, Squarespace elenca tutti i suoi modelli direttamente sul suo sito. È possibile visualizzare in anteprima ciascuno di essi e fare clic su Start With This Design una volta che si è soddisfatti della scelta:

Squarespace scelta template
La schermata di scelta di un template su Squarespace

Approderai direttamente nell’area di editing, dove potrai personalizzare quasi tutti gli elementi del sito.

Step 5. Aggiungi il contenuto

Man mano che personalizzi il tuo sito web, probabilmente vorrai aggiungere contenuti immediatamente. Prima di farlo, è saggio avere in mente una struttura approssimativa.

La maggior parte dei siti web aziendali avrà bisogno delle seguenti pagine o sezioni:

  • Homepage: questa sarà la prima cosa che molti visitatori vedranno del tuo sito. Dovrebbe fornire una breve panoramica dei servizi e includere una chiara navigazione verso altre sezioni.
  • Pagina Prodotti, Servizi, o Portfolio: qui è dove mostrerai il tuo lavoro e descriverai ciò che hai da offrire ai clienti.
  • Pagina About us: in questa sezione, includerai la tua storia o condividerai informazioni sul team.
  • Pagina Contatti: qui includi un modulo di contatto e incoraggi i clienti a rivolgersi a te se hanno domande.
  • Blog: questo è un must per molte aziende al giorno d’oggi e un eccellente strumento di content marketing.

WordPress e i popolari costruttori di siti web come Squarespace permettono di creare facilmente pagine e aggiungere post sul blog. Per saperne di più su quali pagine considerare per il tuo sito, ti consiglio un mio articolo sull’argomento.

Step 6. Ottimizza il tuo sito per i motori di ricerca

Una volta che disponi di contenuti online, dovrai comunque fare in modo che le persone possano trovarli. L’ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO) è una strategia che può aiutare in questo senso.

Il SEO è la pratica di perfezionare i contenuti in modo che abbiano più probabilità di essere posizionati in alto nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP). Ci sono alcune pratiche chiave che dovresti tenere a mente, come ad esempio:

  • Usare parole chiave appropriate nei post e nelle pagine
  • Ottimizzare la velocità del sito web
  • Scegliere un design reattivo in modo che i contenuti funzionino su tutti i dispositivi (soprattutto quelli portatili)
  • Inclusione di link interni ed esterni pertinenti per ogni contenuto
  • Usare i nomi dei post nei permalink

Se hai scelto WordPress come piattaforma per il tuo sito web, puoi installare un plugin SEO come Yoast SEO o Rank Math, che scansionano i contenuti e consigliano come migliorarli in ottica SEO.

Attenzione! Entrambi questi plugin danno dei consigli, non sei obbligato a seguirli. Puoi studiare qualche tecnica SEO di qualità, per capire al meglio cosa fare e come. Puoi iniziare dall’articolo sull’analisi delle best practices nel 2020. La SEO è una materia complicata di cui viene detto tutto e il contrario di tutto in continuazione. Fai attenzione e scegli bene le tue fonti, io ti consiglio il canale di Giorgio Tavernti.

Step 7. Pubblica il tuo sito

Molti costruttori di siti web ti permettono di mantenere il tuo sito privato mentre lo costruisci, per poi pubblicarlo una volta che è pronto per i visitatori. Con WordPress, il tuo sito sarà visibile al pubblico non appena avrai installato il software WordPress sul tuo account di hosting, ma puoi selezionare di “nasconderlo” ai motori di ricerca con un’opzione dalla dashboard, su Impostazioni > Lettura:

Aprire business online - sito non indicizzato
Aprire business online – sito non indicizzato

In ogni caso, prima di iniziare a promuovere il tuo sito web, ci sono alcuni controlli dell’ultimo minuto che potresti voler fare:

  • Verifica l’anteprima di come apparirà il tuo sito web su dispositivi mobili per assicurarsi che sia leggibile
  • Leggi i tuoi contenuti per assicurarti che tutto sia accurato
  • Rimuovi qualsiasi contenuto segnaposto dal tuo tema o modello

Per iniziare a portare il traffico verso il tuo nuovo sito, potresti considerare di contattare i clienti esistenti (se ne hai) per far sapere loro che sei ora online. Puoi anche promuoverlo sui social media o via e-mail.

Conclusioni

Una presenza online è fondamentale se si vuole raggiungere un pubblico più ampio. L’outsourcing degli sviluppatori web potrebbe non rientrare nel tuo budget se sei un piccolo imprenditore. Fortunatamente, con piattaforme come WordPress, Squarespace o Wix, è possibile costruire un sito web in poco tempo e risparmiare un po’ di soldi nel processo.

Spero che questa breve guida ti sia stata d’aiuto per capire come iniziare a fare i primi passi per aprire un sito per il tuo business online. Se avessi domande o suggerimenti, non esitare a contattarmi o scrivimi un commento!

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

Aprire un sito per il tuo business online
Tabella dei Contenuti

Iscriviti alla newsletter

Tabella dei Contenuti
Giacomo Lanzi

Giacomo Lanzi

Dopo studi in psicologia e letteratura, dal 2010 mi sono dedicato alla grafica web e all'editing per testi universitari. Sono un content creator per il web dal 2012. Dopo un'esperienza di due anni come manager di un team italiano per una compagnia internazionale a Berlino, ho deciso di tornare alla libera professione e di dedicarmi del tutto al web. Oggi offro servizi come autore, content creator, grafico web e SEO expert. Mi caratterizzano un attitudine al pensiero critico, abilità nella guida di un team, la cura dei dettagli e l'impegno che metto in ogni progetto, siano essi personali o professionali.

Iscriviti alla newsletter
ottieni sconti e promozioni