Cos’è il Content Marketing? 5 idee per piccole imprese

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Il #contentmarketing è una tecnica molto efficace di #inboundmarketing. Si tratta di creare contenuti di qualità per i tuoi lettori, che prenderanno sempre più fiducia nei tuoi confronti fino a preferirti rispetto alla concorrenza.
Ultima modifica il 26 Marzo 2021
Tempo di lettura: 20 min.

Come proprietario di una piccola impresa, la promozione dell’attività attraverso il content marketing dovrebbe essere la tua priorità assoluta. Perché se la gente non conosce i tuoi prodotti e servizi online, finisci per perdere clienti a causa della concorrenza. Eppure molti piccoli imprenditori fanno fatica a promuovere efficacemente la loro attività sul web. Ciò è dovuto principalmente al fatto che hanno poca comprensione di cosa fare o di cosa funziona meglio.

Resta il fatto che la promozione online può migliorare la tua piccola impresa. Ecco perché è estremamente importante avere la massima chiarezza sui passi da compiere per raggiungere i tuoi potenziali clienti.

Quando si tratta di acquisire nuovi clienti e di mantenere quelli esistenti, non c’è dubbio che la pubblicità classica ha funzionato molto bene per moltissime piccole imprese.

Tuttavia, grazie a un recente report su Adblock effettuato da Blockthrough, sappiamo che il numero di blocchi pubblicitari installati su oltre 615 milioni di dispositivi è in crescita, causando una pubblicità a pagamento meno efficiente di come lo era qualche anno fa. Quest’anno, sulla base di uno studio, è stato dimostrato che quasi il 25,8% degli utenti di internet blocca la pubblicità sui dispositivi che utilizzano. Si stima che questa percentuale aumenterà, con il conseguente fallimento di un quarto delle campagne pubblicitarie a pagamento.

AdBlocker Report Blockthrough
AdBlocker Report Blockthrough. Scaricalo qui.

Il tuo obiettivo finale è quello di assicurarti che la tua piccola impresa non venga ignorata dai potenziali clienti. Per questo motivo è fondamentale che ti connetti con il target di riferimento in modo da risultare rispettabile e interessante.

Il modo in cui comunichi con i clienti fa un’enorme differenza per i risultati che dei tuoi sforzi di marketing. Quindi, che tu sia alla ricerca di idee precise per un blog o di una trama video migliore, tutto inizia con l’obiettivo di offrire un’esperienza migliore ai clienti.

Indipendentemente dal mercato in cui ti trovi, il pubblico vuole leggere e vedere contenuti che non solo lo aiutano, ma che lo divertono. Contenuti che offrono valore aggiunto al tema trattato.

L’obiettivo è quello di diventare parte del viaggio dei clienti senza interromperlo. È così che finiscono per vedere la tua attività come una fonte di informazioni preziose e conoscenze utili.

Cos’è il content marketing

È un modo per fare marketing al tuo pubblico, costruendo al tempo stesso un solido rapporto. Il content marketing aiuta la tua azienda a creare una connessione con il cliente, lavorando per promuovere la consapevolezza del marchio e il coinvolgimento del target di riferimento.

Tuttavia, non è possibile creare e distribuire contenuti solo per il gusto di farlo. In altre parole, le informazioni che fornisci devono essere ricche di valore e devono essere pertinenti all’interesse del pubblico. Questo aiuta ad attirare i clienti in modo coerente e a trattenerli per un periodo di tempo più lungo.

A differenza di altri metodi di marketing e pubblicità, il content marketing è un gioco a lungo termine. Con il giusto tipo di contenuti, non solo catturi l’attenzione del pubblico, ma ti impegni anche ad un livello superiore. Il che, in ultima analisi, porta a un marchio più forte e a un business più redditizio

Content Marketing - contenuto
La cura del contenuto è al centro del content marketing

Mentre la pubblicità a pagamento è progettata per ottenere qualcosa dal pubblico, trasformando in ultima analisi la prospettiva in un cliente, il content marketing è tutto incentrato sulla fornitura di valore e sul dare qualcosa al pubblico al fine di costruire la fiducia.

Se ti guardi intorno, troverai molte piccole imprese affermate che utilizzano il content marketing per generare lead di alta qualità, convertire questi lead in clienti e migliorare la qualità di vita di ogni cliente. Quindi il content marketing non si limita a creare interesse e a costruire un marchio, ma va oltre.

Se si guarda al modello di pubblicità a pagamento, è orientato ad ottenere qualcosa dal potenziale cliente e a convertirlo in cliente effettivo. Il content marketing, invece, consiste nel dare prima di chiedere. Si tratta di fornire un valore reale e di costruire una base di fiducia prima di procedere alla vendita.

Una ricerca condotta da Demand Metric ha scoperto che il content marketing non solo è meno costoso dell’outbound marketing, ma genera anche 3 volte più lead. Ogni piccolo imprenditore vuole promuovere e commercializzare i propri prodotti e servizi senza superare il proprio limitato budget. Il content marketing funziona come un ponte economico tra una piccola impresa e il suo potenziale cliente. E alla fine aiuta ad aggiungere più lead al funnel di vendita senza intaccare il portafoglio.

Quindi, quando si tratta di lavorare con un piccolo budget, il content marketing vince. Naturalmente, questo significa che il proprietario della piccola impresa, che sei tu, dovrebbe essere pronto a dedicare tempo e impegno alla pubblicazione di contenuti di alta qualità su base regolare.

Tranquillo, non è sempre detto che che i contenuti debbano essere sempre nuovi. Una volta che hai a disposizione dei contenuti evergreen di qualità, puoi pensare di mettere in pratica delle tecniche di content repurposing.

Content Creation
La creazione di contenuti è una fase cruciale per il content marketing

Tuttavia, tieni presente che l’acquisizione di clienti con il content marketing può diventare dispendiosa in termini di tempo e denaro se non utilizzi un approccio strategico. Per ottenere il massimo dai tuoi sforzi di marketing inbound, devi creare il giusto tipo di contenuto, non c’è altra soluzione.

Come si creano i contenuti di marketing digitale?

Per rispondere a questa domanda, ho elencato qui di seguito alcune delle idee di marketing dei contenuti più efficaci per aiutare la tua piccola impresa ad ottenere il massimo dagli sforzi di marketing.

5 idee di content marketing per il tuo business

1. Crea contenuti sempre validi

Per ottenere il massimo dalla tua strategia di marketing dei contenuti, dovrai crearne che offrano valore indipendentemente dal momento in cui sono stati pubblicati. Il modo migliore per raggiungere questo obiettivo è quello di creare contenuti evergreen.

Il motivo per cui i contenuti evergreen funzionano così bene nell’aiutarti a raggiungere gli obiettivi è perché rimangono rilevanti, freschi e preziosi per i lettori per un lungo periodo di tempo. Il che significa che un contenuto ben ottimizzato e di natura evergreen ha il potenziale per guidare il traffico mirato verso il tuo sito per gli anni a venire.

I contenuti che pubblichi sul tuo sito devono essere sostenibili, se vuoi che ti diano risultati a lungo termine. Ad esempio, un post che pubblichi sulla situazione attuale del tuo settore potrebbe non essere rilevante dopo una settimana o dopo alcuni mesi. Mentre un articolo che discute di alcuni consigli utili può essere rilevante ben oltre la data di pubblicazione.

Ecco tre cose da tenere a mente quando si creano contenuti evergreen:

Scegliere le parole chiave long tail: è estremamente importante scegliere le parole chiave giuste, in modo che i contenuti continuino a rimanere a lungo nel motore di ricerca. A cosa serve creare contenuti evergreen se nessuno li cerca? Scegli le parole chiave long tail, cioè quelle composte da tre o più parole, perché il volume di ricerca di tali parole chiave ha un’alta probabilità di crescere con il tempo, dato che sempre più persone le cercano. Oltre a questo, far classificare i tuoi contenuti sempreverdi per una long tail keyword è più facile.

Destinatari principianti: per ottenere i migliori risultati con i tuoi contenuti evergreen, prova a rivolgervi ai principianti. Vuoi condividere la tua esperienza con persone che sono nuove all’argomento di cui stai scrivendo. La premessa di base per la creazione di contenuti evergreen è quella di costruire un pubblico e di avere un traffico ricorrente in arrivo. Concentrandoti sui principianti invece che sugli esperti, avrai maggiori probabilità di raggiungere i tuoi obiettivi di traffico organico.

Gergo tecnico: evita di usare il gergo tecnico quando crei un contenuto evergreen. Il motivo è semplice: i principianti che sono più propensi a consumare i vostri contenuti non saranno in grado di comprenderne l’aspetto prettamente tecnico. Anche se va bene creare contenuti che siano approfonditi, assicurati che siano facili da seguire e da digerire.

2. Fai leva sul contenuto generato dagli utenti

Per contenuto generato dall’utente (UGC: user generated content) si intende qualsiasi contenuto creato dai singoli utenti o collaboratori che non vengono pagati per questo. Tutto, dai contenuti del forum ai commenti che i vostri lettori lasciano sul vostro blog, è un contenuto generato dagli utenti. Anche le testimonianze che ricevi per il tuo prodotto o servizio e i contenuti dei social media generati sulla tua pagina Facebook sono generati dall’utente.

Ma perché le persone su internet contribuiscono a un sito web senza cercare nulla in cambio? È per il loro intrinseco bisogno di essere apprezzati e riconosciuti dagli altri. Ecco perché i contenuti generati dagli utenti non sono solo gratuiti, ma anche di alta qualità.

Un altro motivo per cui i contenuti generati dagli utenti sono migliori dei contenuti originali è perché sono più autentici e affidabili agli occhi dei clienti. Questo tipo di contenuto non può essere falsificato, il che porta a un’esperienza del cliente molto più forte e fiduciosa.

content marketing UGC
Il contenuto generato dagli utenti è davvero interessante e va raccolto con cura.

Numerose piccole imprese hanno iniziato a incorporare UGC nelle loro campagne di marketing di contenuti digitali perché funziona. Alcuni dei vantaggi diretti e indiretti offerti da UGC sono:

  • Aumento del numero di vendite
  • Maggiore fiducia da parte dei clienti
  • Un rapporto più forte con i clienti
  • Aumentare il numero di follower dei social media
  • Migliore diffusione sui social media

Per garantire che i contenuti generati dagli utenti aggiungano valore alla tua campagna di content marketing, fai in modo che tu rispetti le seguenti regole:

  • Mantieni la credibilità, privilegiando recensioni oneste / autentiche per il prodotto o servizio (sia positive che negative)
  • Non perdere tempo tornando dal cliente per rispondere alle sue domande in modo scortese, se vuoi rispondere, fallo in modo cordiale
  • Fai in modo che i tuoi clienti condividano una breve testimonianza, in video o testuale, che parli della loro esperienza
  • Prendi le critiche in modo costruttivo e positivo

3. Cura del contenuto

Il tempo è estremamente prezioso per qualsiasi piccola impresa che pratichi il content marketing. Senza utilizzare il tempo nel modo più efficace possibile, non sarai mai in grado di ottenere il tipo di ritorno che desideri dai tuoi sforzi di content marketing.

La cura dei contenuti non solo ti fa risparmiare tempo, ma ti permette anche di pubblicare i contenuti nel posto giusto. Ti dà la libertà e i mezzi per fornire valore ai tuoi potenziali clienti senza sacrificare la qualità. Il che lo rende parte integrante di una strategia di content marketing efficiente e orientata ai risultati. Inoltre, i contenuti che curi possono portare a una comunicazione significativa con il tuo target di riferimento e rafforzare il rapporto tra voi.

Un’altra ragione per cui la cura dei contenuti è importante da aggiungere al tuo content marketing mix è perché ti aiuta a mantenere coerenza. Produrre contenuti di alto livello su base regolare non è facile per una piccola impresa. Sfruttando la content curation, non dovrai aspettare di avere contenuti originali pronti. Vai avanti e riempi il vuoto con contenuti curati, anche in numero inferiore.

Content Curation schema
Lo schema della cura del contenuto

Quando si tratta di trovare il successo con il content marketing, è necessario rendersi conto dell’importanza della tempestività. Senza essere tempestivi nell’approccio, anche la cura dei contenuti di qualità non ti darà i risultati che desideri. Devi pubblicare i contenuti giusti al momento giusto, altrimenti non solo perderai in termini di traffico, ma anche di ricavi.

Tieni a mente le seguenti tre cose quando curi i contenuti, se vuoi renderli efficaci:

  • Assicurati di aggiungere le tue intuizioni personali ai contenuti che stai curando. Rendi i tuoi contenuti unici e autentici. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di aiutare i lettori a cogliere le informazioni che stai condividendo con loro in qualsiasi modo possibile. Le tue intuizioni personali aiutano il lettore a capire lo scopo o la ragione per cui fai riferimento a questi contenuti e perché lo ritieni utile per lui.
  • Solo perché curi i contenuti non significa che puoi ridurre la qualità. Assicurati di curare solo contenuti di alta qualità e degni di essere referenziati. Condividendo informazioni provenienti da fonti reali e credibili, i tuoi sforzi di cura dei contenuti entreranno in risonanza con il pubblico di riferimento. Puoi potenzialmente dare ai contenuti una spinta in più nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca, aiutandoti al tempo stesso a costruire la tua credibilità agli occhi dei clienti.
  • Quando i tuoi clienti si renderanno conto che il tuo sito web è il loro punto di partenza per trovare informazioni rilevanti e tempestive, continueranno a tornare per saperne di più. Ecco perché è fondamentale che continui a dare valore ai lettori fornendo loro l’esatto tipo di contenuto che di solito cercano.

La cura dei contenuti e la tempistica della tua cura è il modo perfetto per dare al pubblico informazioni utili e originali su una base coerente.

4. Teach, don’t tell

I tuoi clienti hanno a cuore i tuoi prodotti o servizi? Si preoccupano di quanto l’azienda stia funzionando bene e dove stia andando? Naturalmente no. I clienti si preoccupano solo di una cosa: loro stessi. Tenendo presente questo, il contenuto che produci non dovrebbe essere incentrato solo su te stesso.

Intenzione / rilevanza / interesse
Uno schema che ben raffigura il rapporto tra quello che vorresti dire e quello che è possibilmente rilevante

Devi creare i contenuti concentrandoti sui clienti e sulle loro esigenze. Ecco alcune domande che puoi utilizzare per conoscere meglio il tuo pubblico:

  • Quali sono le loro paure?
  • Quali sono le loro probabili scuse per non acquistare il tuo prodotto o ottenere i vostri servizi?
  • Cosa li fa andare avanti ogni giorno? Il tuo prodotto / servizio può aiutarli? Se sì, in che modo cambierà la loro vita quotidiana?
  • Quali sono i loro obiettivi di vita?
  • Perché non hanno ancora raggiunto questi obiettivi di vita?

Vedi, più sai come sta il tuo mercato di riferimento, più è probabile che creerai contenuti preziosi per i lettori. Ogni contenuto che produci dovrebbe soddisfare delle esigenze, in un modo o nell’altro. In questo modo, si crea essenzialmente una relazione o una connessione emotiva con i clienti. Li aiuti a fidarsi del tuo marchio e rendi loro più facile convertirsi in clienti.

Non c’è niente di sbagliato in un incitamento all’acquisto. Ma se presentato nel momento sbagliato, può fare più male che bene al tuo business. I tuoi clienti sono per lo più alla ricerca di informazioni che possano aiutarli in qualche modo, non di proposte di vendita. Insegnando e non vendendo (teach, don’t tell) si utilizza il potere del marketing educativo, dove le informazioni fornite sono tutt’altro che orientate alla vendita. L’uso di contenuti basati sull’educazione ha sempre funzionato e continuerà a funzionare finché sarà fatto con lo spirito giusto.

Qualsiasi materiale di content marketing che crei e distribuisci ai tuoi potenziali clienti dovrebbe essere rilevante per loro. È necessario delineare delle buyers persona (personalità di acquirenti) e creare i tuoi contenuti intorno a questi per ottenere i migliori risultati.

Buyer Personas
Diverse buyer personas = diverse necessità nelle fasi del funnel di vendita

Tieni presente che alle persone non piacciono le pubblicità forzate, per questo il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di coinvolgere con informazioni gratuite ed efficaci che diano loro un valore reale. Lascia che si guardino intorno sul tuo sito web, che capiscano i prodotti/servizi che offri e consumino le informazioni che fornisci al loro ritmo.

Di’ di no all’hard selling: Quando crei contenuti educativi, cerca di non effettuare alcun tipo di hard selling (mere offerte di vendita). Può sembrare difficile evitare di farlo, ma a lungo termine i risultati parleranno da soli. I clienti al giorno d’oggi sono abbastanza intelligenti da cogliere che si sta solo cercando di vendere qualcosa. I contenuti orientati alla vendita possono rivelarsi uno svantaggio per qualsiasi potenziale cliente. Ricorda che lo scopo del content marketing è quello di insegnare e mostrare come si fa e non vendere.

Non essere ridondante: Il tuo prodotto o servizio può offrire valore ai clienti, ma ciò non significa che devi continuare a creare contenuti intorno ad esso. I tuoi clienti non sono alla ricerca di contenuti sul prodotto o servizio. Sono alla ricerca di informazioni che possano migliorare la loro vita o il loro business in un modo o nell’altro. Bisogna costruire la propria credibilità con contenuti educativi in modo che i clienti si fidino di te abbastanza per acquistare da te quando ne avranno bisogno.

Esperti del settore: Quando ti associ agli esperti del settore, la tua credibilità e la tua autenticità aumentano. Collaborando con altri esperti, in un modo o nell’altro, sarai in grado di fornire informazioni di alta qualità che provengono da una fonte credibile e affidabile. Che tu lo faccia intervistando un esperto o facendogli scrivere un guest post sul sito, non importa. Ciò che conta è che facendo leva sugli esperti, aggiungerai un valore immenso ai contenuti che fornisci ai tuoi potenziali clienti. Questi articoli sono molto più preziosi perché le intuizioni condivise al loro interno sono uniche e non facili da copiare o duplicare. Questo fa sì che i tuoi contenuti si distinguano anche dal resto della concorrenza.

Mantieni l’engagement in primo piano: Non c’è dubbio che i contenuti educativi dovrebbero essere informativi, ma allo stesso tempo devono essere abbastanza divertenti. L’ultima cosa che vuoi fare è annoiare i lettori con i tecnicismi. La tua motivazione per creare contenuti educativi è di assicurarti che i lettori abbiano un ricavo reale. Rendere i contenuti coinvolgenti ti aiuterà ad aumentare il valore complessivo che stai fornendo. Ricorda, più i contenuti sono coinvolgenti, migliori saranno i risultati che vedrai a lungo termine.

5. Organizza un calendario editoriale

Il percorso verso i vostri obiettivi di content marketing inizia con la creazione di un piano. Quando non si pianifica ciò che deve essere fatto, è difficile vedere un ritorno positivo del proprio investimento. Qualsiasi piccola impresa che voglia sfruttare al meglio il content marketing dovrebbe concentrarsi sull’adozione di un calendario editoriale adeguato.

Quando si lavora con un calendario editoriale davanti, si ha la chiarezza necessaria per occuparsi di ogni compito che deve essere svolto. In sostanza, ti dà una visione a d’insieme della tua strategia di content marketing e ti permette di occuparti in anticipo di eventuali carenze.

Conosci il tuo pubblico

Le esigenze dei tuoi clienti dovrebbero servire come punto di partenza per i contenuti da creare. Senza la stesura di contenuti rilevanti per il target di riferimento (buyers personas), non puoi aspettarti di creare un senso di eccitazione tra loro. Semplicemente non saranno interessati ai tuoi contenuti.

Comprendendo il pubblico di riferimento ed esaminando i loro problemi e le loro preoccupazioni, ci guadagnerai una visione chiara della situazione. Il che a sua volta aiuterà a capire a quale tipo di contenuto possono essere interessati.

Saperne di più sul tuo pubblico è il primo passo per sviluppare un calendario editoriale. Puoi semplicemente iniziare a interagire con il pubblico tramite sondaggi o conversazioni individuali. Quando hai abbastanza informazioni su ciò che il tuo target sta cercando, la creazione di contenuti che risolvono i loro problemi e soddisfano le loro esigenze diventa più fattibile.

Decidi una cadenza di pubblicazione

Quando si lavora al calendario editoriale, è fondamentale avere risposte alle seguenti domande:

  • Che tipo di contenuti pubblicherai?
  • Quanti contenuti pensi di pubblicare?
  • Con quale frequenza desideri pubblicare i contenuti?
  • Chi sarà responsabile sia per la scrittura e chi per il resto?

Avere diversi calendari editoriali

Il primo calendario dovrebbe essere quello principale, che fornisce una rapida panoramica di tutti i contenuti che hai pianificato, suddivisi per giorno e settimana. Gli altri calendari dovrebbero concentrarsi sui compiti per progetti specifici come il blog o la newsletter. I calendari multipli permettono di vedere il quadro generale e di garantire che ogni progetto sia sulla buona strada.

Anche se non tutti sono favorevoli alla creazione di calendari editoriali multipli, è qualcosa che può organizzare meglio il tuo content marketing.

Il tuo primo calendario offre una panoramica su ogni contenuto che pubblicherai durante la settimana o il mese, puoi usare altri calendari in aree specifiche delle tue piattaforme, come il blog.

Mantenere ciascuno dei tuoi progetti di content marketing diventa più semplice quando puoi vedere il quadro generale.

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

5 Idee per il content marketing
Tabella dei Contenuti

Iscriviti alla newsletter

Staging in Wordpress come fare
Come si usa WordPress
Staging in WordPress facilissimo [guida 2021]

Tempo di lettura: 13 min. Un sito di staging in WordPress è ideale per testare le modifiche prima di renderle operative. Vediamo come creare uno staging con e senza plugin.
#staging #wordpress #test #pluginwordpress

Leggi Tutto »
Tabella dei Contenuti
Giacomo Lanzi

Giacomo Lanzi

Dopo studi in psicologia e letteratura, dal 2010 mi sono dedicato alla grafica web e all'editing per testi universitari. Sono un content creator per il web dal 2012. Dopo un'esperienza di due anni come manager di un team italiano per una compagnia internazionale a Berlino, ho deciso di tornare alla libera professione e di dedicarmi del tutto al web. Oggi offro servizi come autore, content creator, grafico web e SEO expert. Mi caratterizzano un attitudine al pensiero critico, abilità nella guida di un team, la cura dei dettagli e l'impegno che metto in ogni progetto, siano essi personali o professionali.

Iscriviti alla newsletter
ottieni sconti e promozioni