Freelancer.com – 5 consigli ed errore da evitare

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email
Freelancer.com è una piattaforma che unisce datori di lavoro con liberi professionisti, in qualunque parte del mondo si trovino. Ti mostro come funziona.
Ultima modifica il 10 Marzo 2021
Tempo di lettura: 5 min.

Dopo svariate settimane in lockdown, la necessità di trovare un’occupazione si fa pressante. Una risorsa, sotto questo punto di vista, è Freelancer.com, una piattaforma che unisce datori di lavoro saltuario con i liberi professionisti, in qualunque parte del mondo si trovino.

Immagina che qualcuno abbia bisogno di costruire un sito internet per la sua neonata attività. Invece di uscire e mettersi a cercare una web agency nella sua città, può pubblicare il suo progetto sulla piattaforma in modo che i freelancer possano offrire la loro soluzione.

Come funziona Freelancer.com

La piattaforma è molto complessa e offre molteplici funzionalità, ma quelle principali sono piuttosto intuitive. Una volta iscritto, puoi organizzare il tuo profilo in modo da aggiungere tutte le tue informazioni, una breve bio e un portfolio. In sostanza si tratta di compilare un curriculum online con la possibilità di aggiungere degli esempi del tuo lavoro.

Una volta compilato il profilo e aggiunto le tue abilità, sei pronto per andare a spulciare le offerte di lavoro. Queste sono organizzate in progetti che i datori di lavoro pubblicano e a cui i professionisti si offrono come candidati.

Ricerca del progetto giusto

Se hai impostato bene il tuo profilo, nella ricerca dovrebbero comparire solo i progetti che includono le abilità specificate. Puoi ulteriormente filtrare per lingua, cosa molto utile, soprattutto se scrivi contenuti in una determinata lingua.

Una volta che hai individuato un progetto che ti piace e pensi che sia fattibile per te, fai la tua offerta. Questo è il momento in cui molti sbagliano e tra poco vedremo perché. Nella tua proposta ricordati di specificare ogni dettaglio.

La concorrenza è spietata e numerosa, la chiave in questa fase è risaltare rispetto agli altri.

Discussione dettagli e lavoro freelance

Se la tua proposta sembrerà valida al datore di lavoro, questo ti contatterà per definire gli ultimi dettagli e verificare che tu non ti sia sopravvalutato. In questa situazione è importante rimanere calmi e professionali, mostrarsi disponibili e non sembrare troppo disperati.

Quando la tua proposta viene accettata, è il momento di mettersi al lavoro. La piattaforma si occuperà di gestire i pagamenti e assicurare sia al professionista che al datore di lavoro che tutto proceda senza intoppi.

Gli errori che molti fanno

Su Freelancer.com, come ti ho accennato poco fa, la concorrenza è tantissima. Soprattutto per alcuni tipi di lavoro che non sono legati alla lingua, come lo sviluppo web, noterai rapidamente che moltissimi professionisti fanno la loro offerta con un copia e incolla in tutti i progetti che includono una certa abilità.

Te lo sconsiglio vivamente.

Il testo delle proposte

In realtà ti consiglio di tenere pronto un testo generico da copiare nelle tue proposte e aggiungere una parte del testo in cui chiarisci i dettagli per quel progetto specifico. È davvero molto semplice capire che un testo è copiato e standardizzato e spesso questo denota poca professionalità.

Il mio consiglio è quello di specificare sempre i dettagli per il progetto.

Io per esempio, quando mi candido come copywriter, scrivo sempre quante parole sono gli articoli che propongo per il progetto, quante keyword e come sono scelte e ogni altro dettaglio che può aiutare il datore di lavoro a capire che si tratta di un prodotto completo e di qualità.

Profilo poco curato

Un altro errore che vedo spesso commettere è il non curare il proprio profilo. È un’operazione che richiede tempo, ma un profilo curato fa molta più bella figura e rappresenta la professionalità del freelancer. Ho visto profili di copywriter che nella bio avevano molteplici errori grammaticali, nessuna struttura del testo e in genere erano scritti male. Evita come la peste questo tipo di persone.

Mettiti nei panni di un datore di lavoro: assumeresti un copywriter che non si impegna nemmeno a descrivere sé stesso? La bio, le esperienze passate e il portfolio sono tutti elementi che vengono visti dal datore di lavoro, non vanno trascurati per niente al mondo!

Freelancer.com
In questa proposta il copywriter ha scritto un blocco di testo che non invoglia alla lettura, pieno di informazioni che poteva invece dare direttamente al datore di lavoro in chat. Inoltre dice di essere un appassionato di scrittura, quindi non un professionista. Io lo scarterei immediatamente.

Nessun badge o esame passato

Nella piattaforma freelancer.com c’è un sistema di certificazioni ed esami. Questi sono a pagamento, è vero, ma vale la pena investire qualche fondo per dimostrare le proprie abilità. Ovviamente è inutile fare dei test per servizi che non offri.

Io, per esempio, ho superato 15 esami, tutti in ambito linguistico o di web design, che sono le due skill che uso nei miei progetti.

Conclusioni

Ci sarebbe molto altro da dire sulla piattaforma per il lavoro freelance a distanza, ma per il momento mi fermo qui.

Chissà che in un futuro continuerò con articoli più specifici.

Ti consiglio vivamente di investire del tempo su Freelancer.com. È un posto davvero interessante in cui farsi le ossa e un po’ di gavetta per diventare un vero copywriter e intanto guadagnare qualcosina.

Io in 3 mesi sono passato da un profilo vuoto a completare progetti da centinaia di euro a botta. Non tralasciare nessun dettaglio e sii professionale, sono i due consigli principali da seguire SEMPRE!

Se ti è piaciuto l’articolo, non dimenticare di iscriverti alla newsletter per restare aggiornato sui prossimi contenuti!

Freelancer.com una piattaforma per il lavoro freelance
Tabella dei Contenuti

Iscriviti alla newsletter

Staging in Wordpress come fare
Come si usa WordPress
Staging in WordPress facilissimo [guida 2021]

Tempo di lettura: 13 min. Un sito di staging in WordPress è ideale per testare le modifiche prima di renderle operative. Vediamo come creare uno staging con e senza plugin.
#staging #wordpress #test #pluginwordpress

Leggi Tutto »
Tabella dei Contenuti
Giacomo Lanzi

Giacomo Lanzi

Dopo studi in psicologia e letteratura, dal 2010 mi sono dedicato alla grafica web e all'editing per testi universitari. Sono un content creator per il web dal 2012. Dopo un'esperienza di due anni come manager di un team italiano per una compagnia internazionale a Berlino, ho deciso di tornare alla libera professione e di dedicarmi del tutto al web. Oggi offro servizi come autore, content creator, grafico web e SEO expert. Mi caratterizzano un attitudine al pensiero critico, abilità nella guida di un team, la cura dei dettagli e l'impegno che metto in ogni progetto, siano essi personali o professionali.

Iscriviti alla newsletter
ottieni sconti e promozioni